Ridurre le tasse e ridurre gli sprechi della classe politica per uscire dalla crisi

Ultimi articoli
Newsletter

Napoli | i membri regionali di «fare per fermare il declino», in Via Diaz

Ridurre le tasse e ridurre gli sprechi
della classe politica per uscire dalla crisi

L'appello lanciato dall'organizzazione: «Fare per fermare il declino», si rivolge alla cittadinanza, informandola sul perchè l'Italia non riesce ad uscire dalla crisi economica

di Paulette Ievoli

Logo di fare per fermare il declino
Logo di fare per fermare il declino (1)

NAPOLI | «FARE per fermare il declino», è un’organizzazione che vuole costruire un dialogo con i cittadini, informandoli, coinvolgendoli, stimolando la riflessione attiva e concreta del singolo, sulle conseguenze della crisi economica, che si abbattono solo sui cittadini, spesso disinformati e mai chiamati in causa. Intanto le tasse aumentano, le aziende chiudono, la disoccupazione aumenta, mentre la classe politica non rinuncia agli sprechi e ai privilegi. Ogni 16 del mese i testimoni di «FARE per fermare il declino», saranno nelle piazze di tutti i capoluoghi d’Italia, per distribuire volantini e parlare con la gente del vero problema che c’è dietro la crisi, ossia gli sprechi di Stato. La loro attività si svolge anche in rete, in particolare su twitter. In via Diaz, a Napoli, collocati, non a caso, vicino a una sede di Equitalia, dell’agenzia delle entrate, e della banca nazionale del lavoro, membri di «FARE per fermare il declino», hanno incontrato le persone, distribuendo volantini, rendendosi disponibili al dialogo e diffondendo democraticamente le loro idee.

IL MESSAGGIO | Il messaggio lanciato da questa organizzazione, è riassunto da Michele Minieri, membro della segreteria regionale dell’organizzazione: «Ridurre le tasse e ridurre gli sprechi della classe politica, per ridurre il debito pubblico. L’Italia ha le risorse per ripartire, sarebbe sufficiente rimodulare la spesa pubblica». Sul sito www.fermareildeclino.it si potranno trovare tutte le informazioni necessarie sull’attività di questa organizzazione, che tra l’altro ha elaborato un modello da attuarsi in 10 interventi per la crescita in tutti i settori oggi sofferenti. Come la sanità pubblica, la Scuola, l’Università, il Mercato del lavoro, l’Ambiente.

Mercoledì 17 luglio 2013

© Riproduzione riservata

887 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: